L’essiccazione delle castagne è la più antica modalità di conservazione, che ne migliora anche il grado di digeribilità


a cura di Stefano

Il processo di essiccazione delle castagne consiste nella disidratazione progressiva della polpa della castagna che passa da un’umidità (acqua) del 50% fino a valori intorno al 10%. In seguito la conservabilità del frutto sarà superiore ai 12 mesi con un aumento del grado di digeribilità della castagna. La disidratazione favorisce una maggior concentrazione dei principi nutritivi e dei sali minerali presenti nel seme. Le castagne destinate all’essiccazione sono tipicamente quelle di pezzatura ridotta (categoria commerciale con più di 100 frutti per chilogrammo) appartenenti a varietà che denotino attitudine all’essiccazione per la dolcezza e sapore dei frutti e per la facilità di pelatura del seme.

Torna indietro

Hai bisogno di un Consiglio ?


Un consiglio non si nega mai, sopprattutto quando parliamo di piante e orto. Sappiamo quanto impegno mettete nella cura del Vostro verde. Vi aspettiamo nel nostro negozio per condividere con voi quello che sappiamo.

Contattaci >